STORIA

“Radio Bolzano” è una web radio ufficialmente definita dalla legislazione italiana come “personale” il cui unico titolare ed editore è Mirco Minisini, imprenditore bolzanino già attivo dal 2012 nel mondo dell’editoria on-line con portali di informazione web (ad oggi chiusi) quali “la Regione News 24” e il quotidiano “il Giorno dell’Alto Adige”.

“Radio Bolzano” nasce ufficialmente lunedì 3 luglio del 2017 alle ore 00.00.01 con la trasmissione del primo jingle che annuncia il nome dell’emittente. Fino al 9 settembre dello stesso anno la programmazione della radio sarà prettamente musicale salvo interventi parlati pre-registrati con la voce di Lorenzo Molinari che alterneranno alcuni brani accompagnando così le giornate.

La trasmissione di inaugurazione ufficiale della rete doveva essere la manifestazione “Tyrol Blast Fest” in diretta dal “Biker Stop” di via Pacinotti a Bolzano il 9 settembre 2017 con la conduzione di Lorenzo Molinari, Luca Necros e Luca Metal. La trasmissione iniziò regolarmente alle ore 18.00 ma terminò in estremo anticipo a causa di maltempo e della postazione in esterna (sotto la pioggia battente) cui “Radio Bolzano” fu posizionata dall’organizzazione.

Il 21 settembre 2017 prende il via la trasmissione che ad oggi risulta essere la più longeva di “Radio Bolzano”: “Altro Adige”. Programma di intrattenimento condotto da Alan Conti e Andrea Lavezzo che, partito su “Radio Tandem”, dopo una lunga pausa per screzi con la direzione della radio concorrente, è ripreso su “Radio Bolzano” garantendone il successo. Tanti gli ospiti della trasmissione dal suo esordio ad oggi: giornalisti, artisti, persone comuni e politici tra cui Luca Vaccarino che poco dopo la sua ospitata inizierà una trasmissione proprio su “Radio Bolzano”. Il 22 gennaio 2019 ha raggiunto il traguardo delle 100 puntate trasmesse.

Andrea Lavezzo e Alan Conti ad “Altro Adige

Il primo anno di vita di “Radio Bolzano” è più che altro di test e assestamento sia tecnico che di produzioni in onda. Saranno infatti frequenti flussi streaming instabili e programmi non in onda al giorno ed ora stabiliti in palinsesto. Tutto cambierà dal 3 luglio 2018 quando, in occasione del primo compleanno di “Radio Bolzano” la proprietà decide di iniziare a staccarsi dal tipico far radio “amatoriale” per intraprendere invece la strada del “semi-professionale/professionale”. Il primo compleanno di “Radio Bolzano” è andato in onda in diretta dal lido di Laives dove l’emittente è stata in pianta stabile trasmettendo tutte le domeniche per due mesi (giugno e luglio 2018).

“Radio Bolzano” al Lido di Laives

A settembre del 2018 riprende la nuova e regolare stagione di “Radio Bolzano” con la riconferma di diverse produzioni già in onda. Tra queste spiccano ancora “Altro Adige” con Alan Conti e Andrea Lavezzo, “Back to the music” con Elena Tonetta, “In the morning” e “Stasera in TV” con Lorenzo Molinari. Il 20 settembre prende il via “Baci di Giuda”, programma interamente dedicato alla musica metal condotto da Luca Necros e Luca Metal mentre il giorno dopo, il 21 settembre, prende il via “Rock and Glam” con la conduzione di Luca Vaccarino.

Luca Vaccarino a “Rock and Glam”

L’inverno 2018/2019 sarà particolarmente difficile per l’emittente che si trova a dover affrontare una profonda crisi finanziaria che la porterà sull’orlo della chiusura. Le trasmissioni regolari di “Radio Bolzano” (a flusso streaming continuo 24h) dureranno fino al 21 marzo giorno in cui tutti i flussi streaming della radio verranno spenti. Nonostante lo stop al flusso 24h, le trasmissioni principali di “Radio Bolzano” continuano ad essere prodotte e messe a disposizione in modalità podcast sul sito. Il 15 giugno 2019 sono riprese le regolari trasmissioni in streaming con flusso costante 24h. Il 25 giugno “Radio Bolzano” ha trasmesso in diretta il funerale di Gino Pasqualotto (storico giocatore dell’Hockey Club Bolzano) dall’abbazia di Gries a Bolzano.

Passata la grave crisi finanziaria dell’inverno 2019, la proprietà insieme ad altri due potenziali soci decidono per il rilancio dell’emittente. Ad oggi è tuttora in fase di valutazione un passaggio da “radio amatoriale” a “radio commerciale” con conseguente raccolta pubblicitaria e trasmissione spot.

Il 13 luglio 2019 “Radio Bolzano” ha subito un restyling dei jingle di rete con l’adozione di una nuova immagine ed ha iniziato la trasmissione di spot istituzionali nei potenziali futuri spazi dedicati al passaggio di pubblicità commerciale dalle ore 7.00 alle 24.00.

A tenere la direzione artistica dell’emittente dalla sua fondazione ad oggi è sempre stato Lorenzo Molinari. Lo stesso infatti è voce “istituzionale” dell’emittente conducendo la maggioranza delle trasmissioni in onda su “Radio Bolzano”.

IL TENTATIVO DELL’FM E DEL DAB

Dalla sua nascita il 3 luglio 2017 e per circa un anno (fino all’estate del 2018) “Radio Bolzano” ha tentato a più riprese un approdo alla trasmissione in FM (modulazione di frequenza). Inizialmente la proprietà cercò di prendere contatti con diverse radio locali bolzanine con al loro attivo frequenze “doppie” nel capoluogo. Obiettivo era chiedere l’affitto di una frequenza sulla quale poter trasmettere “Radio Bolzano” così da poter garantire agli ascoltatori la fruizione anche attraverso la radio analogica. Nessuna risposta arrivò però alla proprietà da nessuna delle emittenti interpellate.

Un tentativo di trasmettere in FM fu anche attraverso la richiesta di concessione di una frequenza da anni libera nel capoluogo. Tale richiesta venne presentata dalla proprietà direttamente al “Ministero dello Sviluppo Economico” a Bolzano ricevendo però, ancora una volta, picche. Questa frequenza richiesta risulta essere tuttora libera e inutilizzata nel capoluogo.

Sconfitta sul fronte FM la proprietà di “Radio Bolzano” inizia a considerare l’ingresso dell’emittente sul digitale radiofonico “DAB”. Anche in questo caso sono stati diversi e molteplici i contatti con operatori di rete e consorzi proprietari. Nessuno spazio per “Radio Bolzano”. Allo stato attuale tutti i “mux” presenti per la trasmissione di emittenti locali risultano essere pieni senza possibilità di inserimento di nuove emittenti. Un “mux” in particolare starebbe operando già in eccesso di una emittente.

Dall’estate 2018 la proprietà abbandona la ricerca di trasmissione per via analogica concentrandosi sul digitale web anche grazie alla spinta repentina di tali nuove tecnologie sia a livello internazionale, nazionale e locale. “Radio Bolzano” addotta lo slogan “real Digital Radio” con il chiaro obiettivo di identificarsi quale vera radio digitale rispetto al “DAB” che utilizza ancora tecnologie analogiche per la trasmissione.

CENTRO DI PRODUZIONE “C.P.R. RADIO BOLZANO”

Le prime trasmissioni di “Radio Bolzano” sono andate in onda da una stanza dell’appartamento di Mirco Minisini il 3 luglio 2017. Ad agosto dello stesso anno viene aperto lo studio dove tuttora trova sede la radio in uno scantinato di Piazza della Vittoria 3 a Bolzano.

Il centro di produzione ha subito in due anni tre restyling. Il primo studio era composto da un tavolo circolare di grandi dimensioni. Sulla prima metà di questo trovava posto la regia con computer di trasmissione, computer per registrazione e mixer audio. La seconda metà era riservata a conduttori e ospiti.

Primo studio di “Radio Bolzano”

Il secondo restyling (gennaio 2018) ha visto scomparire il tavolo circolare in favore di un grande tavolo quadrato posto al centro dello studio riservato alla registrazione dei programmi. Questo ha consentito un maggiore spazio fisico a conduttori e ospiti. Laterale a questo, ma più in disparte, trovava sede la regia con computer di trasmissione, diretta, e mixer audio.

Il secondo studio di “Radio Bolzano”
Il secondo studio di “Radio Bolzano”
Il secondo studio di “Radio Bolzano”

L’ultimo restyling (gennaio 2019) è stato quello più consistente e marcato. Lo studio ha subito una vera e propria trasformazione con tutte le pareti foderate di pannelli fonoassorbenti di colore nero ed un nuovo tavolo centrale a forma di “T” posizionato al centro dello studio. Regia per diretta e registrazione sono state unificate. In questo modo è possibile realizzare contemporaneamente trasmissioni registrate sullo stesso computer della diretta.

Studio attuale di “Radio Bolzano”

E’ in fase di valutazione lo spostamento del centro di produzione ad altra sede abbandonando così la storica di Piazza Vittoria 3. Obiettivo è costituire un vero centro di produzione con spazi adeguati tra cui più studi di registrazione e uffici per l’amministrazione.

LOGHI

Dal 2017 ad oggi “Radio Bolzano” ha adottato 3 differenti loghi. Due ufficialmente, il secondo adottato infatti è durato poco meno di una settimana.

Logo utilizzato dal 3 luglio 2017
al 9 luglio 2018

Logo utilizzato dal 10 luglio 2018
al 15 luglio 2018
Logo in utilizzo dal 16 luglio 2018

 

SOFTWARE DI TRASMISSIONE

“Radio Bolzano” utilizza solo software libero in piattaforma Linux. La regia è gestita dal software “Rivendell”.

ASCOLTARE “RADIO BOLZANO”

“Radio Bolzano” è fruibile direttamente sul proprio sito radiobolzano.it ma gli ascolti maggiori arrivano dalla fruizione tramite smartphone attraverso la presenza capillare sui maggiori aggregatori radiofonici esistenti.

Già pochi mesi dopo la sua nascita “Radio Bolzano” si è inserita su: “TuneIn”, “Radio.net”, “Radioline”, “MyTuner”, “FM World”, “Online Radio Box”.

Ancora, “Radio Bolzano” è presente sui principali siti aggregatori radio quali: “radio-italiane.it”, “AZradio.it”, “radio.se”, “megatune.net”, “internet-radio.com” e molti altri.

Grande megafono per “Radio Bolzano” è soprattutto la presenza su “TuneIn” che consente all’emittente di essere fruibile su quasi tutti gli smart tv, tutti gli smart-speaker e decoder sky “Roku”.

Tutte le applicazioni aggregatrici sono compatibili con “ChromeCast” sia video che audio.